Search

Happily Surviving

blog di ricordi, felicità & silly things

Category

Travel with baby

Maremma con bambini: attività nel parco dell’Uccellina

Avete visto qui il video della prima parte del nostro viaggio in Maremma.

Abbiamo deciso di fare un video dedicato esclusivamente alle escursioni fatte nel parco dell’Uccellina, un’oasi naturale che volevo visitare da anni e che è come piace a me: abbastanza incontaminata e in riva al mare!
Il parco lo si può visitare in tanti modi sia che abbiate nani appresso sia che siate “single”. Continue reading “Maremma con bambini: attività nel parco dell’Uccellina”

Happy Family: in Maremma con i bambini

foto 1

Il week end del 2 giugno siamo stati in Maremma al Parco dell’Uccellina.
Meta voluta da tutta la famiglia con Giulio forzatamente e inconsciamente consenziente.

Siamo partiti nonostante le previsioni del tempo fossero avverse a qualsiasi viaggio, ma abbiamo fatto bene così: nemmeno una goccia d’acqua in 4 giorni!

Vi racconto com’è andata e perchè secondo me la Maremma è il posto ideale per andarci con le piccole belve! Continue reading “Happy Family: in Maremma con i bambini”

Happily Spending in Austria: Hotel Fahrner

1-IMG_5269

Siamo in procinto di ritornare in Montagna con i nostri amici (abbiamo una gran voglia di replicare l’esperienza dell’anno scorso) per i giorni a cavallo di Capodanno e trovare un appartamento in una zona non isolata, caratteristica e a prezzi onesti, sembra un’impresa titanica.

Per chi vuole godere invece di una vacanza comodona in Hotel vi propongo un posticino in cui abbiamo avuto la fortuna di trascorrere qualche giorno quest’estate nel bellissimo paese di Sant Anton am Arlberg:

l’Hotel Fahrner.

Continue reading “Happily Spending in Austria: Hotel Fahrner”

Viaggiare con i bambini atto 2°: Week end a Copenhagen – Travelling with Kids

07-IMG_2075Siamo appena tornati da un week end lungo a Copenhagen. Io dovevo andare4 giorni per lavoro per e abbiamo deciso di andare tutti (gatti esclusi) in Danimarca. E abbiamo fatto beneContinue reading “Viaggiare con i bambini atto 2°: Week end a Copenhagen – Travelling with Kids”

Happy in the Mountains

10984067_10204982763825513_5810718137126495552_n

A cavallo fra Natale e capodanno abbiamo fatto una micro vacanza in Val D’Aosta. Dopo l’intensa esperienza olandese, e nel tentativo di limitare le spese, non avevamo in programma una vacanza natalizia, ma ci siamo fatti tentare dai nostri amici che avevano prenotato per la loro vacanza a tre e che ci hanno lasciato la libertà di decidere all’ultimo momento se raggiungerli o meno. Insomma a posteriori abbiamo fatto benissimo. Io non vedevo l’ora di rilassarmi guardando montagne e speravo che anche Giulio avrebbe goduto del clima. Inoltre né io né Steppi (e nemmeno Giulio) siamo mai stati in Val D’Aosta e l’idea di depennare un’altra regione italiana dalla lista di quelle da vedere, mi caricava abbastanza. E’ stata una vacanzina perfetta che racconto qui anche con qualche foto e con enfasi sulla gestione di un baby Giulietto. Continue reading “Happy in the Mountains”

Una mezza giornata al museo

lomob (17)
Un paio di domeniche fa siamo stati in gita a Parma per vedere la mostra di Hitchcock al Palazzo del Governatore. Da quando è nato Giulio gli unici film che abbiamo visto sono stati quelli di Hitchcock. Li abbiamo visti a rate e la suspense che li caratterizza è andata a farsi benedire, ma ci sembrava carino chiudere il cerchio delle visioni andando a visitare la mostra.

Giulietto chiaramente ha vinto un ticket gratuito.

In Olanda siamo stati in diversi musei ma Giulio dormiva sempre per cui non ho potuto testare la sua resistenza alle esibizioni. Questa volta invece era sveglissimo e si è cuccato tutta la mostra. Per me è stata una bella scoperta vederlo attento, catturato, interattivo. Al 100% non avrà capito nulla di dov’era, né di cosa stesse vedendo, ma come si dice, gli sarà rimasto l’imprinting. Io ne approfittavo per leggergli le frasi celebri di Hitchcock in italiano e in inglese, gli ho mostrato le foto e, per fortuna, gli schermi con i critici che commentavano i vari film hanno catturato l’attenzione di Giulietto.

A dire il vero la mostra,vista con gli occhi di una mamma che deve piazzare bene il propio pupo, sembrava fatta apposta per visite di famiglie. Schermi, suoni, luci e maxi divanoni colorati.

Un’altra esperienza di quelle che ti incoraggiano a superare i limiti che pensi che un figlio ti impone.

A Bologna come in altre città d’Italia c’è il gruppo Mamma Cult che organizza visite a musei e siti culturali a misura di genitori e/o nonni muniti di passeggino e bebè. Credo che prima o poi farò una visitina con loro.

Metto alcune foto rappresentative della bella mostra.

                       lomob (12)   lomob (13) lomob (18)

lomob (16)

lomob (14)

lomob (15)

Random Stories about being a mum: pensierini a caso sulla maternità #3

 

sunbth

25 agosto
Ero fortemente indecisa se dedicare questa misera mezz’ora di sonno di Giulio a guardare cose di MSGM su yoox oppure scrivere. Mi sento una bella persona per aver optato per l’opzione scribacchina. Da ieri siamo a Cesenatico per una settimana. Faremo un po’ di mare e qualche giretto in collina. Giulio se la ride e sbava. Ieri notte si é svegliato a mezzanotte non per mangiare, ma credo perché stesse morendo di caldo. In effetti l’avevamo coperto che neanche in Olanda con 15 gradi facevamo così. A proposito, una sera in Olanda, facendo due chiacchiere con un newyorkese trasferitosi in Olanda #misteridellamore, abbiamo saputo che nei paesi del nord Europa, oltre a dare uno scatolone di cartone come culla regalo per la nascita da parte dello Stato finlandese, in Olanda, all’asilo, i bambini fanno il riposino all’aria aperta in gabbie stile quelle dei conigli. Abbiamo provato a documentarci ma non abbiamo trovato molto. Cercherò meglio.
Ecco si è svegliato, ma stavolta l’ho preso a letto con me è ora sta dormendo attaccato a me stile piadina. O cozza. Forse é un vizio, ma se penso che fra poco più di un mese tornerò a lavorare e questo non sarà più troppo possibile, allora mi va di godermelo un po’…non l’hanno preso all’asilo nido e non ci sono grosse speranze per i mesi futuri per cui starà con i nonni. Ieri leggevo su Uppa quanto é importante l’asilo nido per lo sviluppo della sensorialità e socialità nei bambini. Per questo primo anno proverò a farlo io. Ho già iniziato a fare una lista delle attività che potrei e vorrei fare con Giulio nei pomeriggi e nei week end. Includono letture in altre lingue (hah che ridere), acquaticità, e poi cercherò qualche laboratorio. Steppi lo porterà a Music Together, ma quando compirà un anno credo. Secondo me può bastare. Per lo sviluppo della socialità cercherò di attivare anche la mia di social life, che mi manca assai. Quasi tutti i miei amici hanno bimbi un po’ più grandi di Giulietto quindi si creeranno le occasioni per morsi, schiaffoni e spero qualche gag simpatica fra loro. Dal prossimo anno però asilo! Pubblico o privato che sia.

Adesso 10 minuti su yoox non me li toglie nessuno.

Random Stories about being a mum – Pensierini a caso sulla maternità #2/1

foto (18)

24 agosto
Oggi Federico il figlio dei nostri amici compie 2 anni. Che traguardo. Guardo Giulio e penso a quando sarà lui di quell’età. Da una parte sono curiosa, da un’altra mi piace averlo così Piccolone, dipendente in molto e governabile…:) adesso dorme. Si è addormentato al seno mentre mangiava. Ennesima notte semi in bianco con sveglia alle 2 poi alle 3.30 poi alle 6! Per fortuna che per qualche strana ragione a me non vengono le occhiaie. Questa mattina ho preparato Giulio per benino e siamo andati a far colazione. Ci vuole un bel trattamento per le mamme che non dormono. Al bar i signori anziani del quartiere lo chiamavano “bomber” o “bomberino” un’espressione tipica bolognese che mi fa morire dal ridere. L’altra sera e anche ieri mi sono anche truccata seriamente con un senso di benessere favoloso. Continuerò a farlo. Fra qualche ora partiamo per Cesenatico. Settimana al mare dalla nonna quite isterica, ma pur sempre mare e pur sempre nonna. Uhm ecco l’ennesima conferma che una donna quando diventa mamma smette di essere deeply multirasking: avevo messo sul fuoco i finocchi e mi si è bruciato tutto, pentola inclusa! E nel frattempo si è svegliato Giulio. Ha il sonno più leggero di un novantenne che si ostina a voler dormire senza Tavor.

A bientot

Happily Surviving al primo viaggio con neonato in Olanda – Part 2 (travelling with a baby in The Netherlands)

foto 4

(English version at the bottom)

Eccomi qui con la seconda parte del viaggio in Olanda di quest’estate. Dopo I primi 5 giorni ad Amsterdam con anche una discreta fortuna con il tempo prendiamo uno dei mille treni all’ora che collegano Amsterdam con qualsiasi altro posto dell’Olanda e andiamo a Delft. Per la prima volta nei nostri viaggi, b.g & a.g. (before & after Giulio), siamo andati in stazione senza conoscere l’orario preciso della partenza perchè sapevamo che la frequenza dei treni non ci avrebbe deluso.

Abbiamo deciso di spostarci in treno in Olanda dopo aver letto un po’ di pareri sul noleggio auto. In Olanda I parcheggi costano tantissimo e soprattutto le città piccole e pedonali non si prestano ad essere girate in macchina. Non sarebbe stato più comodo. Continue reading “Happily Surviving al primo viaggio con neonato in Olanda – Part 2 (travelling with a baby in The Netherlands)”

Blog at WordPress.com.

Up ↑

%d bloggers like this: