IMG_1285

Quando sei incinta, soprattutto del primo figlio, la tua vita sociale prosegue più o meno normalmente e fra i tanti dubbi e incognite che hai, quella su come si trasformeranno i rapporti di amicizia una volta che tu avrai un “mini-me”, proprio non emerge.

E’ per questo che poi una volta partorito e in pieno turbinio ormonale ti stupisci quando vedi quali amici ti stanno accanto, quali pensano di farlo e non ci riescono e quelli che proprio cancellano il tuo numero (o quasi)…

Iniziamo: 

Le amiche che sono entrate nel tunnel prima di te (e stanno uscendo…)

Sono quelle che chiaramente ti capiscono di più. Quelle che ti chiamano spesso (a volte troppo spesso), quelle che ti rassicurano dicendo che è normale, quelle che si mettono lì con te a dire quanto è dura e allo stesso tempo quanto ne vale la pena. Sono le amiche che hanno meno tempo di tutte perché già hanno bimbi e magari sono tornate al lavoro, ma sono quelle che ti sono più vicine in modi vari e mai scontati. Quelle con cui magari fino a quel momento hai condiviso poco, ma con le quali stringi rapporti inossidabili. Quelle con cui sei la persona più sincera del mondo, perchè fingere con loro che tuo figlio sia un angelo non ha proprio senso. Quelle che vedrebbero immediatamente trasformarti in Pinocchio, insomma. Quelle a cui dire grazie per esserci e quelle che decidi di avere come compagne di viaggi futuri.

Le amiche che non hanno figli

Quelle di cui tu hai disperato bisogno… ti servono come l’aria perchè vorresti parlare di altro e non di bambini, ritmi, ecc…. Anche di alcol, droga, politica per intenderci. Quelle che hanno ancora una vita fatta di aperitivi e cinema e che hanno più tempo libero e flessibile di te quindi possono vederti di più… Quelle che per un motivo o un altro hanno deciso di non avere figli (per ora)…Ma inaspettatamente sono quelle più impegnate, più evasive e che non ti scrivono nemmeno tanto. Sono quelle che praticamente spariscono. Alcune, dopo mesi ti dicono che se la sono data a gambe perché “la tua scelta di diventare mamma le ha messe di fronte a una loro possibile e futura scelta” (?!?!?!?!?) e quelle che ti accusano di essere tu quella sparita, ma risulta inutile ricordare loro che tu c’eri, solo che trascorrevi ore e giorni a far la spola fra divano e letto, sempre in casa e pronta a riceverle. Queste amiche potresti mandarle a spendere, ma poi ti ricordi che anche tu prima di avere figli forse sei stata vista così da amiche mamme, quindi decidi che sono necessarie come l’aria e te le tieni con quei difettucci lì. E in più vuoi che i tuoi figli le frequentino e le abbiano nella loro vita.

Le amiche che se la danno a gambe forever.  

Quelle che vengono a trovarti la prima settimana post parto con un regalo, e poi pensano di aver assolto per sempre il loro compito e spariscono. Per giorni, settimane, mesi, anni. E non tornano più… Genio no? E quando le incontri ti salutano imbarazzate o fanno quelle che hanno la super vita, piena di viaggi e attività. Quelle che non ti chiedono nulla sul come stai tu. E tu le guardi e dici che quella vita se la possono anche tenere capendo che definirle amiche è assolutamente inappropriato. Perché se il fatto di fare figli le ha messe in qualche modo in crisi possono anche parlartene. Magari le avresti capite. O magari no, perché certe persone non dobbiamo tenercele strette per sempre e per forza. Fortunatamente sono poche.

Le amiche che ritrovi e che ti tengono come sei

Quelle amiche che avevi voluto perdere e di cui ne hai parlato anche sul blog. Quelle che ti hanno contattato dopo aver letto un post (questo qui) e vi siete riviste… Con vite cambiate, diverse, molta curiosità di riconoscervi e tutta la tranquillità di lasciarsi i propri spazi diversi. Quelle che ti stupiscono e che non sono tenute a capirti fino in fondo perché per tanti anni non ti hanno frequentato. Quelle che ti vedono sotto un’altra luce, con due bimbi e una vita faticosa e non sai se quella luce piace del tutto, ma forse val la pena di andare avanti.

I colleghi di lavoro che si sorbiscono tutti i tuoi racconti

I colleghi di lavoro che diventano i tuoi amici del cuore perché semplicemente sono le persone che una mamma frequenta in assoluto di più oltre alla famiglia… E siccome avere amici è fondamentale ti baci i gomiti per averli trovati e per pranzarci ogni giorno insieme. Non saprai mai se anche loro si baciano i gomiti per averti lì e soprattutto per sorbirsi i racconti più pallosi e inutili di una mamma, che magari viene da una notte insonne.

Ci sono altre categorie di amiche e amici che sicuramente ho dimenticato. Se mi verranno in mente scriverò un secondo post. Se non mi vengono in mente provate a ricordarmene alcune anche voi.

Questo post non è in nessun modo un’accusa, ma un modo per condividere con voi come le relazioni amicali, che per me sono fondamentali e lo saranno per sempre, cambino dopo eventi importanti come un nuovo arrivo…

Per spezzare una lancia a favore di certe amiche un po’ distratte, c’è sicuramente da dire che le neo mamme sono pesanti, stanche, bruttine (io lo sono stata e forse lo sono ancora) e hanno sempre delle gran pippe con orari e incastri vari… Ma questi momenti passano in fretta e guardandoli a ritroso non pesano nulla in una vita in cui fra amiche si è cresciute insieme e si crescerà ancora.

image (1)

Advertisements