download

Oggi vi parlo di un progetto molto interessante per i nostri bambini e per lo sviluppo delle loro attitudini musicali: Music Together.

Il programma Music Together nasce negli Stati Uniti nel 1987 e ha l’obiettivo di stimolare i bambini piccoli alla musica, alla vocalità e al movimento grazie alla loro naturale e spontanea tendenza all’imitazione. I fondatori di Music Together credono che come il bimbo impara a parlare sperimentando con noi la verbalizzazione fin da piccolo, allo stesso modo impara a cantare o a vivere in un mondo sonoro grazie all’educazione musicale spontanea.

Dico spontanea perchè i corsi di Music Together lasciano molta libertà ai nostri bimbi purchè non urlino o non distraggano troppo gli altri bimbi che invece vogliono partecipare più attivamente.

Sono quindi adatti per tutti i tipi di bambino: dall’angelico al diabolico.

Ora, Music Together è diffuso in più di 40 paesi nel mondo e dagli anni 2000 anche in Italia. L’Italia è uno dei paesi in cui questi corsi hanno maggiore diffusione.

Non ricordo come l’abbiamo conosciuto, forse qualche amica con figli più grandi ce l’ha consigliato, ma noi abbiamo iscritto Giulio a partire dai 9 mesi, un po’ per la mia fame di dargli stimoli su stimoli, un po’ per trovare alternative al parco durante l’inverno con attività interessanti durante la settimana.

Abbiamo continuato senza soluzione di continuità fino ai 3 anni compiuti, partecipando a diversi moduli anno per anno. Sì perchè Music Together è diviso in moduli e ognuno ha come filo conduttore uno strumento.

download

Ogni modulo dura due mesi circa con una lezione a settimana, ha un cd con canzoni dedicate e un libro con gli spartiti che viene regalato per comporre la biblioteca di casa.

IMG_1387IMG_1393

Le canzoni sono cantate sia in italiano sia inglese. Alcune canzoni hanno parti in spagnolo e addirittura in nigeriano, grazie a progetti di gemellaggio fatti da Music Together. Oltre ai corsi gli insegnanti di Music Together organizzano gratuitamente alcune lezioni spot per occasioni particolari (Natale, visite di insegnanti dagli USA, ecc.).

Gli insegnanti, tutti bravissimi e con una pazienza da invidiare, insistono sul fatto che bisognerebbe imparare le canzoncine il più possibile ascoltando il cd. Un buon modo per farlo per noi è stato quello di mettere il CD in macchina e di ascoltarlo insieme ai bimbi. Beh alcune canzoni sono così belle che ogni tanto io il CD me lo sono ascoltata al posto del TG radio…un modo decisamente più felice di iniziare la giornata.

IMG_1388

Le lezioni durano 45 minuti, ci si siede tutti in cerchio (genitori, bimbi e insegnanti) e si inizia il corso che più o meno si svolge così:

  • Si inizia sempre con la stessa canzone di benvenuto in cui vengono  cantati uno per uno tutti i bimbi per portarli a bordo del corso. Devo dire che è un momento sempre carino per me aspettare l’arrivo del nome di Giulio e vedere che lui timidamente sorride e un po’ si nasconde.
  • Poi iniziano le canzoni specifiche del corso, tutte mimate, alcune sedute, alcune in piedi, altre miste sedute, in piedi, saltando, girando da un lato e da un altro.
  • Alcune canzoni sono svolte con l’utilizzo di strumenti e tools vari: le uova musicali, i bastoncini, foulard, il paracadute ludico (tipo questo), e una canzone è svolta in modalità anarchica in cui ognuno da sfogo alla propria espressività musicale, battendo su tamburelli, pentole e barattoli e altri strumenti con una canzone molto allegra in accompagnamento. A volte il rumore (si rumore!) è talmente forte che la canzone sotto scompare quasi! In generale le canzoni utilizzano tutti i toni anche quelli in minore, solitamente considerati più noiosi, ma non in questo caso.
    140915110745874_1foto via web
  • Dopo la canzone “anarchia” c’è sempre un momento di relax con una ninna nanna o una canzone dal ritmo molto soft che riporta tutti alla normalità…durante la canzone si spengono le luci, si accende la lampada a forma di luna e ci si sdraia a guardare le stelle sul soffitto. Alla fine della canzone tutti a dire….“Sveglia…..Sveglia!!!”
  • ….E dallo “Sveglia” si passa in un giro di note all’ultima canzone fissa di corso in corso in cui ci si saluta tutti con un “Arrivederci a tutti voi, goodbye Shalom, ciao ciao”.…e finisce con un bell’abbraccio finale..Che dire spero di avervi incuriosito un po’ a provarlo. Lo troverete sicuramente nelle vostre città. I costi di ciascuna lezione sono circa 10/13 euro.
    Noi siamo iscritti al corso delle 18 e certe volte partecipiamo entrambi se siamo ben disposti e ci siamo organizzati con la cena. Se ho mal di testa e partecipo, certe volte mi rilasso al punto che mi passa, certe volte invece peggiora. Ad ogni modo è un progetto che mi piace molto e che vorrò far provare anche alla piccola Bianca.

    Certe canzoni rimarranno una costante della vostra vita e di quella dei vostri bimbi e contribuiscono a creare i vostri ricordi con loro.

Per maggiori informazioni e documentazione sul progetto trovate il link qui, mentre per chi è di Bologna il sito è questo con anche i nostri adorati insegnanti

 

Advertisements