IMG_7082

Giulio parla con parole più o meno chiare da quando ha 18 mesi. Ancora adesso che ne ha 27 non sempre lo capiamo al 100% soprattutto se parla con i nonni e i parenti che non lo vedono sempre.
All’asilo mi hanno confermato che conosce molti vocaboli pur sgangherandoli tutti….

Vedo che con il passare dei mesi certe parole migliorano e vedo che nella maggior parte dei casi ho già rimosso il modo in cui le pronunciava all’inizio!

Per cui alcune parole del Giulio’s Dictionary le scrivo anche qui un po’ per me un po’ per i redattori del Devoto Oli che magari sono a corto di nuovi vocaboli da inserire quest’anno:

  • L’anno scorso in questo periodo gli avevo fatto una testa tanta dicendogli che si chiamava “Giuliooo” e per qualche giorno stremato ha iniziato a ripetere il suo nome…poi il nulla per mesi e poi adesso alla domanda “Come ti chiami te?” lui risponde “Guu-i-uulio”
  • Oggi dice “Eccolo” “Eccoli” “Eccola”, ma ha iniziato con urla entusiasmanti per le scoperte rafforzate da “Eccolo-lo”“Eccoli-li” “Eccola-la”
  • Quando disegniamo le amate ruspe e gli chiedo se li vuole con i Cingoli o le ruote, lui risponde “con i Cinghiliiiii”
  • E’ completamente negato per l’inglese per cui ogni parola che finisce con una consonante lui la pronuncia con l’aggiunta di una vocale: “Georg-E” Monster-Truck-E”, ecc. 
  • Sempre in tema grandi trasporti è un fan dell’autobus che all’inizio era “battu” e ora con gran progressi è “Battuttus“.
  • Ha grandi doti per il dialetto, le ho colte quì e lì quando ripete perfettamente parole tipo “andem”, “valà”. 
  • Non è mai stato generoso di “Sì” e soprattutto di “NO”..il che è un bene per carità, però mi fa morire dal ridere quando invece di No dice: “Adesso Basta!” con una convinzione stoica e invece di rispondere Sì dice “Dai, Dai, Dai!” di solito saltandoti attorno.
  • Io sono la mamma “Bebora” e omette l’H finale come la maggior parte di quelli che mi conosocono…Il babbo è “Steppo”.
  • Non mi capacito di come fino a ieri sera non gli abbia mai nominato la parola “Felice”, che lui naturalmente ha storpiato in “Cice” perché la “F” è difficile e ce ne siamo accorti con la “Girappa”, ma anche se non dovesse mai nominarla fino in fondo, gli auguro di usarla più volte possibile nella sua vita e di continuare ad essere contagioso come lo è stato finora.

B0FFBC92-0149-4226-B983-4470BEAD4F31

 

 

Advertisements