90917

 

Il 20 marzo è la giornata mondiale della Felicità.

Ieri era domenica ed ero troppo concentrata a godermi il week end per pensare a qualcosa di intelligente da condividere sul mio blog, che ha la felicità come filo conduttore.

In questi primi mesi del 2016 non mi risulta facile scrivere post in cui mi racconto perchè la felicità è un obiettivo che sembra essere parzialmente raggiunto in questo 2016.

Sto comunque continuando a postare molto e continuerò a farlo proprio per caricarmi e perchè il blog, la condivisione, i commenti che ricevo qui e su instagram aiutano molto.

I week end in relax, le giornate trascorse in simbiosi con Giulio e con Stefano, le mille attività da fare, i tanti parchi da provare, sono fondamentali per questo obiettivo.

Festeggiare il 37° compleanno come se stessi festeggiando il 21°  aiuta altrettanto.

Le amiche, le chiacchiere al telefono, i messaggi di whatsapp o le mail sono un salvagente.

Riuscire a ricavare degli spazi per me e Stefano, andare a cena fuori in coppia una volta ogni mille mesi, pranzare insieme il venerdì all’aperto sotto i portici di Bologna, riconoscere che non riusciamo più a stare senza Giulietto per troppe ore, è una gioia molto bella.

Vedere crescere quello che fino a 23 mesi fa era un piccolo bebè inerme, vederlo parlare, provare a capirlo, fermarlo mentre scala librerie e pensili, incoraggiarlo quando accarezza e bacia i micioni, non credo abbia bisogno di essere spiegato.

E poi alla fine di questo elenco ci sono le cose negative, che però ora che ci penso sono pochissime in confronto a quelle elencate sopra. 

Non farò un elenco, ma accenno solo che le cose negative hanno generato un abbassamento di autostima che mi ha portato a stare sveglia certe notti, a dubitare delle mie azioni e dei miei rapporti con gli altri.

Ho poi pensato a Samantha di Sex and the City e alla sua celebre frase “ti amo, ma amo più me stessa” e ho deciso che pur mantenendo immutata la passione per le cose che faccio, amerò di più me stessa e mi vorrò molto molto più bene di quello che mi sono voluta in passato. Ho letto su qualche blog sull’autostima che tutto parte da questo.

La felicità è dentro di noi e in questo giorno postumo alla giornata mondiale della felicità, auguro a tutti voi, amici che mi leggete di essere incredibilmente, incondizionatamente, irresistibilmente, sempre felici. 

images

 

Advertisements