Giulio a 7 mesi e mezzo <3
Giulio a 7 mesi e mezzo ❤

21 novembre

Questa mattina sono partita per Roma mentre Giulio dormiva ancora. Tenero patatone. Tornerò questa sera in tempo per dargli la buonanotte e metterlo a letto. Mi mancherà tantissimo I know. Dalla macchina ho fatto la foto alla finestra chiusa… Mamma mia che malinconia. L’ultima volta che sono stata a Roma Giulietti era con me e non aveva nemmeno due mesi. Il mio bambino buonissimo che dormiva tutta la notte. Era stata una trasferta piacevole e mi ero portata dietro mia mamma che era esaltata. In questi giorni sto accusando un po’ di stanchezza e di stress da incastro lavoro/mamma/moglie/donna di casa. É veramente difficile incastrare tutto e sopravvivere dignitosamente. Soprattutto se la notte dormi poco. Giulio non mangia molto, non dorme molto e con la digestione siamo in alto mare. Un bambino deve fare tre cose e lui le fa tutte molto poco. Sono un po’ giù anche per questo. Chiamerò la pediatra per chiedere numi, ma cosa vuoi che mi dica. Come in tutte le cose é meglio usare il buon senso… Siamo appena ripartiti da Firenze e nel posto di fianco a me non si é seduto nessuno. I am free. Potrei utilizzare questo tempo per dormire alla grande, ma ho talmente tante cose da fare, da leggere che non ci riesco. E poi magari sto seduta senza far niente e guardo solo fuori dal finestrino. Quando ero piccola e dormivo tantissimo e avrei dormito ancora di più, guardavo mia mamma insonne e sveglia dalle 6 con grandi grandi interrogativi. Ora la capisco perfettamente purtroppo. Oggi ho nostalgia anche della mia infanzia. Dio che spensieratezza. Giocare, giocare giocare stare con le amiche di scuola e crescere con loro fra scherzi e qualche compito. Una infanzia vissuta in un paese francobollo, ma quanta sicurezza, quanto contenimento. Nostalgia canaglia veramente. Deborah please esci dal tunnel. 

Advertisements