10984067_10204982763825513_5810718137126495552_n

A cavallo fra Natale e capodanno abbiamo fatto una micro vacanza in Val D’Aosta. Dopo l’intensa esperienza olandese, e nel tentativo di limitare le spese, non avevamo in programma una vacanza natalizia, ma ci siamo fatti tentare dai nostri amici che avevano prenotato per la loro vacanza a tre e che ci hanno lasciato la libertà di decidere all’ultimo momento se raggiungerli o meno. Insomma a posteriori abbiamo fatto benissimo. Io non vedevo l’ora di rilassarmi guardando montagne e speravo che anche Giulio avrebbe goduto del clima. Inoltre né io né Steppi (e nemmeno Giulio) siamo mai stati in Val D’Aosta e l’idea di depennare un’altra regione italiana dalla lista di quelle da vedere, mi caricava abbastanza. E’ stata una vacanzina perfetta che racconto qui anche con qualche foto e con enfasi sulla gestione di un baby Giulietto.

1-10429383_10204617141005171_5412297026936850122_n
Non ho trovato che portare un bimbo di quasi 9 mesi sulla neve sia stata un’impresa difficile. Avevamo con noi il passeggino Joolz che sulla neve se l’è cavata bene e i nostri amici ci hanno prestato il marsupio Manduca, comodissimo e che permette di tenere i bimbi al calduccio e riparati da eventuale vento. In Val D’Aosta la mattina c’erano quasi sempre – 9 gradi, ma con il pagliaccione imbottito e una buona berretta di pile, Giulio non ha sofferto per nulla.
Inoltre abbiamo avuto la fortuna di farci quattro giorni con un sole bellissimo, e a metà giornata si stava benissimo.
Siamo stati in appartamento che è la soluzione ideale per un bambino in svezzamento. Con qualche tool in più si fa tutto anche in Hotel per carità, ma credo che per questa età di mezzo sia stato più facile. L’appartamento che hanno trovato i nostri amici è a Jovencan è presso il B&B Gran Paradiso. Tutto in legno, super accogliente e con una bella vista sulle Alpi.
Il primo giorno dopo un po’ di polleggio post viaggio siamo usciti per una passeggiata in paese con tappa al parchetto giochi innevato. Doppia prima volta per Giulio: la neve e l’altalena!
01-IMG_1745 02-IMG_1761
Noi “grandi” ci siamo divertiti con un giochino stile skylift “molto” avventuroso!
La sera siamo stati in baita per una merenda (come la chiamano loro) a base di affettati. formaggi, polenta e birra e poi tutti a casa per mettere a letto i pupi.
Il giorno dopo che era il 31 dicembre, abbiamo fatto una gita a Courmayeur per vedere un po’ di mossa. I nostri amici che hanno un bimbo di un anno e mezzo sono andati con la funivia sul Monte Bianco. Noi non ce la siamo sentita di portare Giulio così in alto e siamo rimasti in città a vedere combinazioni di pelliccie e botox che bevevano champagne. Che spasso insomma.
Il 1° giorno del 2015 tutti pimpanti e dopo una bella colazione siamo andati nella valsavarenche nel cuore del Parco naturale del Gran Paradiso. Consigliati dai locals abbiamo fatto una bella passeggiata di un paio di Km lungo un fiume ghiacciato e costeggiando la pista di sci di fondo. Abbiamo visto tanti camosci e una volpe. Si stava così bene che eravamo senza giacca. Giulio lo abbiamo messo nel marsupio e i nostri amici hanno messo il loro bimbo nello slittino. La passeggiata si è conclusa con un pranzo al rifugio a base di polenta concia, zuppa alla valdaostana e patatine fritte.
foto (19) 03-IMG_1788 04-IMG_1822 06-IMG_1831 05-IMG_1828
Nel pomeriggio abbiamo fatto un giro ad Aosta a vedere i mercatini di Natale; una bella trappolona per turisti.
A parte sciare che con un bambino è impossibile, abbiamo anche questa volta fatto tutto quello che volevamo, chiaramente con tempi più dilatati, ma questa cosa qui non fa di certo male, anzi. Viaggiare con altri amici a me piace molto, è tutto più conviviale ed è una bella full immersion di vita sociale. Scoprire che Giulio e Fosco, pur con 10 mesi di differenza, a modo loro giocavano parecchio è stata una bella esperienza. Soprattutto molto rilassante perchè si intrattenevano talmente tanto che a noi “grandi” riusciva possibile riposarci e chiacchierare in relax.
Insomma per un mix di aspetti super positivi, questi 4 giorni sulla neve sono stati perfetti. A Giulio le montagne sono piaciute e ripeteremo l’esperienza la prossima estate in Austria sperando che sia altrettanto rilassante.
Advertisements